Quando arriva l’inverno è molto importante usare l’abbigliamento giusto che consenta di non raffreddarsi ma nello stesso tempo di non trattenere il sudore. L’effetto che si avrà qualora il capo di abbigliamento dovesse risultare in qualche modo troppo caldo sarà l’ accumulo del calore corporeo che si raffredderà una volta che la nostra attività sportiva diventerà meno intensa.

Un problema da non sottovalutare. Proprio per questo motivo il nostro consiglio è quello di valutare sempre il tipo di uscita che andremo a fare, se intensa oppure blanda, in modo tale da poter utilizzare l’abbigliamento adeguato.

La giacca Thermo Road Dwr è consigliata, sul sito di Alé Cycling per un range di temperature che oscilla dai 4° ai 10°.

Il test è stato effettuato in diverse condizioni meteo più estreme per la tipologia di giacca ovvero 5° di temperatura (ma percepiti 3° come da dati 3b Meteo) sia con una temperatura esterna di 8° ma percepiti 9°.

Il tessuto Windstopper applicato su maniche e nella parte frontale della maglia tengono riparati dal freddo mentre la schiena è libera da questa tipologia di tessuto e quindi traspirante. L’interno della maglia è realizzato accoppiando la lana merino ad altre tipologie di filati tecnici riuscendo a proteggerci dalle basse temperature. Fermi al semaforo, oppure durante una pausa caffé con amici, la giacca Thermo Road Dwr ha un effetto assorbente del nostro sudore, lasciandoci asciutti. Una caratteristica che difficilmente ho ancora riscontrato in altri capi di abbigliamento invernali.

Leggera e compatta

Quando mi è arrivata la maglia in test sono rimasto stupito dalla leggerezza complessiva di questo capo di abbigliamento e la mia preoccupazione si è subito rivolta verso la protezione che poteva offrirmi dal freddo. Abituato da sempre ad indossare capi tecnici piuttosto pesanti, con tessuto rigido e piuttosto imbottite la giacca Thermo Road Dwr mi è sembrata avere la stessa consistenza di una giacca anti vento, ma invece mi sbagliavo. Ed è proprio questo particolare il punto di forza di questa giacca invernale, la leggerezza.

Il tessuto posto nella parte anteriore della giacca è morbido e segue la nostra posizione in bici non formando il classico “effetto pallone” in prossimità del petto, diversamente dalle giacche più pesanti, la lana merino accoppiata al tessuto Windstopper sono l’arma segreta di una giacca ben riuscita, adatta per proteggerci quando le temperature scendono sotto i 10° senza dover indossare un capo di abbigliamento decisamente più pesante ed ingombrante nei movimenti.

Vestibilità

La costruzione della maglia, nonostante abbia una vestibilità aderente ci tiene liberi dai movimenti e la sua leggerezza ci fa quasi dimenticare di averla indossata. I polsini piuttosto lunghi permettono di coprirci i polsi andando a sovrastare i guanti e garantendoci un’ulteriore protezione dal vento e dal freddo.

Il colletto della giacca è molto alto in modo tale da ripararci bene dal freddo. Il collo è un punto importante e sensibile che se non coperto in modo adeguato potrebbe in qualche modo potrebbe avere conseguenze negative a livello di protezione percepita su tutto il corpo.

Le tre tasche posteriori sono abbondantemente ampie e assolutamente adatte a contenere senza nessuna preoccupazione ingombranti smartphone e la giacca anti pioggia qualora il tempo dovesse volgere al peggio.

La giusta giacca a metà strada tra autunno ed inverno

La giacca Thermo Road Dwr è quella tipologia di capo di abbigliamento adatto in tutte quelle situazioni in cui una giacca invernale è “troppo pesante” e la classica maglia autunnale è decisamente troppo poco protettiva.

Come dicevo all’inizio dell’articolo, la sua leggerezza è il punto forte, ed il riparo dal freddo è molto elevato, anche per chi come me è piuttosto freddoloso. La giacca, grazie al particolare tessuto posto sulla schiena lascia traspirare il sudore in eccesso tenendomi sempre asciutto anche quando gli allenamenti si fanno sempre più intensi.

In conclusione

Non ho mai percepito freddo, inoltre la leggerezza è veramente strepitosa, sino ad oggi la miglior giacca mai provata. Un piccolo consiglio, in fase di ordinazione guardate bene la tabella delle taglie, vestono molto aderenti.

  • Protezione al freddo: 9
  • Protezione al vento: 9
  • Traspirabilità: 9 1/2

Il capo di abbigliamento è stato provato in abbinamento con la calzamaglia Clima Be Hot.

Ulteriori informazioni al sito web: www.alecycling.com

Seguici sulla pagina FacebookYoutube e nel nuovo gruppo Telegram. Rimani sempre aggiornato su Google News