Dopo 5 anni di estremo utilizzo ho pensionato la mia vecchia sella a favore di un nuovo modello. Complice l’acquisto della mia prima bicicletta interamente in acciaio con tubazioni Deda e fatta a mano da un abile artigiano (qui troverete la recensione) ho voluto regalarmi per il mio compleanno una sella nuova.

Cinque le caratteristiche fondamentali: bella esteticamente, leggera, comoda, resistente ed abbastanza economica (Il budget era stimato intorno alle 150 euro)

Dopo una lunga ricerca su internet di selle che pesassero meno di 190gr ne individuo alcune con il carro in carbonio che sembravano rispondere ai cinque requisiti richiesti. Passo alla seconda fase per una ulteriore scrematura: guardo e confronto i prezzi online e leggo recensioni ed opinioni sui siti web.

In un mondo perennemente commesso questo è quello che ormai fanno le persone prima di procedere ad un acquisto. Cercano conferme che non contrastino la propria opinione, e se ciò dovesse succedere, rivalutano le proprie scelte. Un’abitudine consolidata grazie alle affordance messe a disposizione dalla rete.

Durante la lettura di alcune recensioni mi imbatto nella Prologo Dimension 143 Nack di soli 150gr che sembra soddisfare tutti i miei requisiti. Continuando con l’articolo gli autori fanno notare la presenza di un carro in carbonio ovale che necessita di un reggi sella appositamente studiato. Verifico il mio Cinelli Neos e mi accorgo che non solo non può ospitare un carro ovalizzato ma non può ospitare qualsiasi tipo di sella con carro in carbonio, un bel guaio. La mia scelta rimane sempre sul modello della Prologo ma dotato di un carro in una lega particolare denominato Tirox che limita altrettanto bene il peso. Alla bilancia la sella segna appena 185gr. Una delle particolarità di questa sella, oltre ad adottare lo scarico centrale per la prostata, è la dimensione estremamente corta che la posizione all’interno della stessa categoria delle Selle Italia Boost.

Una volta montata tenendo validi i parametri di posizionamento di quella vecchia la sensazione è stata quella di avere il busto leggermente in avanti durante la pedalata, cosa che dopo sessanta chilometri circa non ha influito sulla comodità. La sella risulta molto ben fatta e la qualità dei materiale è molto buona, il leggero strato di gel che la imbottisce la fa risultare molto comoda sulle leggere sconnessioni dell’asfalto e da vedere è veramente molto bella.

Ecco il modello da me acquistato con carro Trox e Cpc:

Prologo Dimension Cpc Tirox – Sella da bicicletta unisex adulto, rigida/nero

Con carro in carbonio

Prologo Dimena3Hb80-Am, Sella Unisex – Adulto, Nero, 245 x 143 mm

La più economica ma più pesante e con carro in acciaio:

Prologo 2201029720 – Sella per adulti unisex, 245 x 143 mm, nero

La seconda uscita è stata leggermente diversa, provenivo da una Selle Italia Flow con una parte posteriore della larghezza di 133mm, quei cm in più della Prologo Dimension iniziavano a darmi un leggero sfregamento nella parte posteriore delle mie gambe che al passare dei chilometri diventava più insistente. Avevo sbagliato tipologia di sella per la mia conformazione fisica, indubbiamente è una sella adatta a chi ha un bacino di conformazione larga (e quindi non il mio), la sella adatta la si trova dopo diversi tentativi.

Vado dal biomeccanico (Giorgio Brambilla per chi segue Gcn Italia) per ultimare il setup della bicicletta Ponc che avevo fatto fare su misura. Effettua molte regolazioni, sposta la sella indietro di qualche millimetro e mi abbassa il reggi sella, regola il manubrio, arretra i freni cosi che li possa impugnare meglio. La sella è molto importante ed influisce notevolmente sul posizionamento, ovviamente mi consiglia di passare ad una sella meno larga.

Provo la bicicletta e mi trovo decisamente meglio, il “su misura” da i suoi frutti.

CONCLUSIONI

Purtroppo per negligenza ho acquistato una sella troppo larga per la mia conformazione fisica e che dovrò sostituire con un nuovo modello più stretto. Tuttavia acquisterò ancora una sella Prologo in quanto sia qualità, estetica, prezzo e comodità dell’imbottitura non hanno per me eguali. La consiglio vivamente a tutte le persone che hanno un bacino largo, difficile trovare meglio a quel prezzo con quel peso e cosi curata nei minimi particolari. La sua caratteristica principale, ovvero essere più corta delle altre, fa risparmiare peso e non fa sentire la mancanza del pezzo mancante durante la pedalata.

Seguici su Facebook per rimanere sempre aggiornati oppure su Google News