Finalmente ci siamo, non vedevo l’ora di poter dedicare alcune righe alla giacca AIW XWarm JKT 2.0 della Nalini. Ho atteso le temperatura giusta in modo paziente, cosi come ho atteso la pioggia ed il termometro vicino allo zero. Per questo capo di abbigliamento ho scelto la mia Ktm Canic, un mezzo sicuro per affrontare le strade invernali e per andare a sfruttare al meglio questo capo di abbigliamento che mi protegge nella parte posteriore grazie ad una coda in materiale anti macchia ed anti pioggia lucido opaco.

Sicurezza

La maglia AIW XWarm JKT è fatta di un particolare tessuto riflettente che guarda molto all’estetica ed alla sicurezza. Infatti la caratteristica è appunto l’apposito tessuto 2L che ci da molta visibilità anche quando le giornate si fanno sempre più corte proprio come in questo periodo dell’anno.

Il tessuto 2PL infatti riflette i fari dei lampioni e delle automobili rendendoci molto visibili da lontano.

Attenzione ai dettagli

La giacca è confezionata come un alto capo di alta moda, avvolta in un involucro trasparente con della carta velina che ci fa ricordare una camicia di sartoria. I polsini, il collo e la coda della XWarm jacket sono in tessuto anti pioggia facilmente lavabile che ben si sposa ad un utilizzo in giornate particolarmente umide dove il fango può giocarci piacevoli scherzi. Con un semplice gesto potremo pulire in modo perfetto le estremità del nostro capo di abbigliamento ed entrare in un bar senza fare brutte figure.

Interno in misto lana merinos

L’interno della splendida giacca Nalini è prevalentemente costituito da filati pregiati misto lana merinos. Nonostante la sua leggerezza la giacca è stata testata a temperature esterne molto vicino alla zero con fortissima umidità, durante le mie due ore di allenamento non ho mai provato sensazione di freddo. Una volta arrivato a casa e spogliato della giacca ho potuto notare come il sudore sia stato assorbito completamente dal suo interno lasciandomi particolarmente asciutto. Una caratteristica sicuramente molto importante soprattutto durante le lunghe giornate invernali.

Tantissime tasche

La giacca Nalini ha nella parte posteriore 3 tasche molto capienti, dove poter mettere eventuali accessori o vestiario aggiuntivo. Una particolarità molto importante è data da un’ulteriore piccola tasca separata dove poter mettere telefono cellulare o documenti.

Troppo caldo, Nalini ha pensato anche a questo

E’ molto probabile che se usciremo per un giro di allenamento invernale alla mattina presto la temperatura sarà molto più bassa rispetto che all’ora di pranzo, proprio durante il rientro. In questa particolare situazione ci verrà in aiuto Nalini che ha predisposto due prese d’aria nascoste da una piccola zip e corredate da una rete al suo interno. Le due aperture sono state saggiamente posizionate nella parte alta laterale poco più sotto le nostre spalle dove si accumula maggiormente il caldo.

Basterà infatti aprirla per poter far respirare la nostra schiena e mantenerci più freschi durante il ritorno a casa. Una soluzione pratica ed ingegnosa.

In conclusione

Hai voluto la bicicletta? Ed adesso pedala. E si, con questo capo di abbigliamento abbiamo assolutamente quanto di meglio ci può offrire il mercato, quindi niente scuse. Testata in condizioni veramente al limite con temperature prossime allo zero e dopo una settimana di pioggia mi sono trovato assolutamente in una condizione di caldo ed asciutto, inoltre la parte finale della giacca leggermente più lunga nella parte posteriore protegge dall’acqua e dal nevischio sollevato dagli pneumatici della mia Ktm Canic. Maggiori info a Nalini.com

Promossa con 10 e lode.

Photo credits: Emanuele Barbaro