Zwift ed altri prodotti simili hanno ormai sdoganato le competizioni online e spesso la performance di un’ora conta molto di più che un buon allenamento. Nulla da ridere riguardo le competizioni online che possono stimolare sia lo spirito agonistico che il ritmo gara reso ancora più duro dai rulli e dalle quattro mura di casa.

Una volta ripresa la bicicletta e ritornati in strada a questo punto ci sembrerà di volare. Ma non dimentichiamoci che il rullo è uno strumento importantissimo che può essere utilizzato per allenamenti specifici e proibitivi sulle strade che percorriamo ogni giorno.

Uno tra questi esercizi è la pedalata a gambe alternate.

Se analizziamo il gesto atletico potremo capire come il ciclista non effettua la trazione con la gamba che ha appena terminato la fase di spinta, ma lascia tutto il lavoro di spinta all’altra gamba. Una situazione che fa decadere e peggiora la rotondità di pedalata.

L’efficacia dell’allenamento a gambe alterne non solo migliora la rotondità ma se effettuato con un rapporto piuttosto duro e ripetuto per più volte alternando la gamba destra con quella sinistra andremo ad aumentare la forza impiegata affaticando prima il muscolo. Molto utile se la forza di una gamba è minore dell’altra. A tale proposito ci verrà in aiuto il misuratore di potenza con le metriche apposite.

Un piccolo esperimento per testare l’efficacia della pedalata a gambe alterne è quella di inserire un rapporto piuttosto duro e provare a pedalare prima con una gamba e successivamente con l’altra per poi andare a defaticare sempre con lo stesso rapporto inserito normalmente. Percepiremo subito la differenza.

Ripetute a gambe alterne a 40/60 rpm

A questo proposito durante la vostra sessione di allenamento sarebbe utile inserire alcune ripetute a gambe alterne per migliorare quindi la vostra forza e pedalata rimanendo con una cadenza massima di 40/60 rpm se si vuole stimolare la forza.

Attenzione a postura e core

Un utile consiglio è quello di focalizzare la propria attenzione al vostro corpo concentrandosi sulla trazione e sulla spinta e di utilizzare un rapporto che vi possa consentire di rimanere stabili sulla sella durante la prima serie. Man mano che migliorerete potrete aumentare la difficoltà inserendo un rapporto più duro andando cosi a coinvolgere non solo la gamba ma anche il vostro core che si attiverà per stabilizzarvi meglio.