L’idratazione è molto importante nello sport in quanto è in grado di farci recuperare adeguatamente. Se l’atleta non ripristina l’acqua espulsa dal proprio corpo attraverso la sudorazione, difficilmente si arriverà ad un recupero completo e di conseguenza all’adattamento.

Non è fondamentale pesarsi prima e dopo l’allenamento, l’importante è saziare la sete. Non sottovalutiamo le stagioni più fredde, che nonostante il sudore non sia accentuato e visibile, durante le sessioni di allenamento più intense il corpo sprigiona il proprio calore attraverso il sudore. E’ fondamentale quindi bere anche nelle stagioni più fredde durante l’allenamento.

In alcuni studi fatti su atleti élite che hanno bevuto esclusivamente per dissetarsi l’idratazione è risultata ottimale, inoltre il peso corporeo è rimasto invariato. L’unico segnale che dobbiamo seguire è quello legato alla sensazione di sete.

Età ed idratazione

L’invecchiamento dell’atleta può portare ad una ridotta sensazione di sete rispetto agli atleti più giovani soprattutto per quanto riguarda persone che hanno superato i 60 anni di età. Piccoli sorsi frequenti anche nelle giornate più fredde dovrebbero essere un mantra per le persone più anziane.

Che cosa possiamo bere per recuperare al meglio?

In commercio esistono diversi prodotti adatti al recupero, come ad esempio mix di proteine/aminoacidi/carboidrati e vitamine. L’acqua semplice e pura è sufficiente per recuperare al meglio dalla propria attività fisica a patto che questa sia inferiore o pari a 90 minuti.

Dopo i novanta minuti di attività intensa anche in gara, le esigenze del proprio corpo iniziano ad essere differenti.

Chi segue ad esempio una dieta ricca di carboidrati dopo i novanta minuti il fabbisogno aumenta. Conviene quindi ingerire piccole dose di carboidrati ad altissima assimilazione durante la gara o il proprio allenamento.

L’acqua è determinante per la regolazione del proprio calore corporeo, inoltre aiuta la digestione a portare il trasporto dei vari elementi nutrizionali. Una buona idratazione è utile per prevenire l’invecchiamento dei tessuti, cellule, organi e di tutte le funzioni vitali.

Scarsa idratazione, scarsa prestazione

Un basso livello di idratazione oltre che a portare un notevole calo del recupero (sempre dovuto allo scarso trasporto degli elementi nutrizionali) porta anche ad un calo delle proprie prestazioni.

Attraverso la sudorazione, necessaria per la termoregolazione, espelliamo acqua che a sua volta è fondamentale per muscoli e sangue. Bere a piccoli sorsi acqua a temperatura ambiente durante la l’attività sportiva è fondamentale non solo per il recupero fisico ma anche per non avere un calo delle prestazioni. Anche se è utile imparare ad ascoltare il nostro corpo ed i segnali ad esso connessi, anticipare la sensazione di sete ci farà rimanere sempre prestanti soprattutto durante il nostro allenamento o gara.

Se durante l’allenamento anticipare la sete potrebbe essere una buona strategia per non far calare le nostre prestazioni, durante il post allenamento (e quindi durante la fase di recupero) è sufficiente ascoltare i segnali del nostro corpo come menzionato all’inizio.

Seguici su Facebook per rimanere sempre aggiornati oppure su Google News

Photo credits: Emanuele Barbaro