Abbiamo intervistato Simone Samparisi team manager della squadra KTM DAMA SELLE SMP XC PRO ed abbiamo chiesto che cosa ne pensa di questo lungo periodo di stop causa emergenza COVID-19 e quali sono i rischi per un team e come si sta comportando in questa particolare quarantena. Inoltre abbiamo parlato delle gare virtuali su Zwift.

Eravamo curiosi di sapere come prevede il prossimo futuro a livello organizzativo dove bisognerà stare tutti uno accanto all’altro nelle competizioni.

Ciao Simone gestisci due team, uno che gareggia in coppa del mondo ciclocross ed uno che gareggia in gare marathon. Ciclismo 365 giorni all’anno, non conosci pausa, ma purtroppo questa quarantena te lo sta imponendo, come stai gestendo il team?

Innanzi tutto ciao a tutti, onestamente il periodo a cui il fato ci ha messo di fronte non me lo sarei mai aspettato. Da un punto di vista atletico per i miei corridori ritengo che un po di stop faccia bene, è ormai da anni che la loro stagione non conosce tregue.
Ovviamente tutto ciò si rifletterà però sul piano economico, dovremo capire come i nostri partner usciranno da questa crisi sanitaria.

Sei riuscito fortunatamente a finire la stagione di ciclocross, come è andata?

Beh la stagione di cross alla grande, abbiamo vinto diverse gare, sia nazionali che internazionali in Italia e all’estero, vestito per tutto il Master cross la maglia da leader della categoria regina, ottenuto 2 podi ai campionati Nazionali e per concludere vestito la maglia della nazionale ad Europei e Mondiali. Ah e per finire ottenuto la 51° posizione assoluta nel Ranking UCI

Vuoi presentarci i tuoi atleti?

Orco domanda lunga..
I miei atleti si dividono tra cyclocross e MTB.
Partiamo da quest’ultima, Abbiamo la Genovese Gaia Ravaioli, campionessa del mondo Endurance, il tandem Sampa Bros con Nicolas e Lorenzo e per chiudere l’austriaca Nadja Heigl. Nel cross abbiamo sempre i SampaBros e Nadja, questi sono stati affiancati dal giovane trentino Huez, dalla bergamasca Zanga e dal friulano Calligaro.

Come si stanno allenando in questo periodo?

In questo periodo palestra e zwift, stanno lavorando tanto e speriamo di poter raccogliere presto i frutti.

Come si svolge una giornata tipo di un’atleta del tuo team ? 

MMMMM domanda a cui non so pienamente rispondere, anche perché ognuno ha la sua routine che non voglio disturbare, c’e chi si sveglia e fa rulli a stomaco vuoto per poi partire con la colazione, chi preferisce far palestra di mattino e pedalare il pomeriggio.. è troppo soggettivo per generalizzare.

Per quanto riguarda l’attività di team manager, sappiamo tutti i rischi e le conseguenze di uno stop prolungato delle gare per un team, quando è importante la comunicazione online?

Molto, è uno dei pochi modi che abbiamo per promuovere i nostri partner

Hai aperto un canale Youtube, ce ne vuoi parlare?

Si, visto la quarantena abbiamo deciso di puntare agli Oscar, per il momento voci di corridoi ci danno nominati.. No scherzi a parte, abbiamo preso questa strada, poi seguita anche da altri team e riders appena iniziata l’ epidemia. Uno ad uno affrontiamo e abbiamo affrontato diversi temi toccando alcuni degli aspetti della MTB.
Gli appuntamenti settimanali sono tre: Technical Mnday, Healthy Thursday, Trocky Saturday

Quali potrebbero essere i scenari futuri secondo un team manager collaudato come te?

Continuo a sperare ad un ritorno alla normalità per il bene di tutto il movimento.

Quando si inizierà a correre secondo te?

Purtroppo temo non prima di agosto..

E come cambieranno le corse (se cambieranno)?

Non credo che cambieranno, quantomeno le GF e le Marathon

Come vedi le gare online sulle varie applicazioni come Zwift? 

Un bel passatempo, ma le gare sono altre.. l’adrenalina che ti da lo start su zwift non la trovi, la tensione in feedzone, su zwift non esiste..
Insomma Zwift è un programma simpatico, ma rimane un gioco.

Dici che prenderanno piede anche dopo la pandemia?

Sicuramente nel periodo invernale potranno avere un buon ritorno di fiamma

Si sta disputando un giro d’italia virtuale messo a punto da Garmin, secondo la tua esperienza sarebbe possibile fare lo stesso per alcune gare di mtb?

Sarebbe possibile ma non sarebbe plausibile… troppi i fattori che influenzano la prestazione, tecnica di guida tattica di gara, assistenza..

La più grande soddisfazione che hai avuto, sportivamente parlando?

Ce ne sono tante.. Il podio Mondiale di Lorenzo nel Team Raly di Champery e il suo settimo posto individuale, la vittoria di Nicolas a Brugherio lo scorso anno e quella di saccolongo quest’anno. Ma ultimamente i brividi più grandi li ho avuti a Schio al Campionato Italiano, Nicolas medaglia di bronzo a meno di un minuto dal vincitore e pochi secondi dall’argento..che gara, sofferta fino all’ultimo, ma che soddisfazione.

Come ti stanno sostenendo i vari sponsor in questo periodo duro per tutti?

Tutti per uno e uno per tutti! Ma in questo momento dobbiamo avere pazienza e tenere duro tutti assieme

Hai qualcuno di particolare che vuoi ringraziare?

Onestamente tutti, lo farei ad uno ad uno, vorrei fare una promessa, teniamo duro e vi ripagheremo con i risultati

Grazie dell’intervista ed a presto sui campi di gara!