L’allenamento indoor nel periodo invernale, per chi non riesce ad allenarsi durante il giorno con frequenza, ricopre un ruolo fondamentale.

Diverse sono le scelte che si possono prendere, e l’avevamo visto in questo articolo.

Ma quale tipologia di rullo scegliere per l’allenamento indoor?

Rullo libero

Partiamo dal semplice rullo libero, dove entrambe le ruote si possono muovere liberamente. Questa tipologia di rullo è indicata per gli atleti che vogliono fare riscaldamento prima di una gara. Nei box durante le gare di coppa del mondo mtb sono molto usati. 

Rullo libero Elite

Pro:

  • Facilità di trasporto
  • Ripiegabile
  • Non necessità del montaggio sul rullo della propria bicicletta
  • Pedalata veritiera

Contro:

  • Resistenza limitata
  • Rullo classico con resistenza
  • Consumo delle gomme

Rullo classico

E’ il rullo base, il più economico. Si appoggia con la ruota posteriore su di un piccolo rullo in elastogel collegato ad una resistenza magnetica a sua volta azionata da un comando che serve per indurire o alleggerire la pedalata. Per questa tipologia di rulli esistono accessori per renderlo smart e collegarlo a dispositivi come ciclo computer o applicazioni.

Rullo base elite

Pro:

  • Economico
  • Con resistenza regolabile
  • Eventualmente interfacciabile con dispositivi elettronici (opzionale)
  • Pedalata non sempre rotonda

Contro:

  • Consumo delle gomme dovuto all’attrito della ruota sul “rullino”
  • Possibile slittamento della ruota durante i lavori con resistenza massima

Ciclo mulino

E’ il top di gamma e sta diventando uno standard tra tutti coloro che utilizzano un rullo per l’allenamento. I grandi brand hanno man mano ridotto le proposte a catalogo dei rulli tradizionali ed ampliato quella dei ciclomulini. La caratteristica peculiare del ciclomulino è che  la trasmissione della nostra bicicletta viene montata direttamente sulla cassetta del dispositivo di allenamento annullando il possibile slittamento della ruota posteriore sul piccolo rullo.

La pedalata risulta più veritiera e fluida, inoltre non vi è il consumo delo pneumatico della propria bicicletta. Le potenze raggiungibili sono più elevate. La resistenza può essere sia controllata tramite comandi interattivi nei ciclomulini più costosi oppure attraverso il sistema di trasmissione della nostra bicicletta.

Nei ciclomulini entry level la resistenza avviene tramite bagno d’olio, mentre in quelli più costosi c’è l’aggiunta di un sistema magnetico. Alcuni ciclomulini utilizzano al loro interno un vero e proprio misuratore di potenza molto preciso, cosa che invece non avviene per i semplici rulli dove la potenza è stimata.

Ciclomulino Elite

Pro:

  • Pedalata rotonda
  • Precisione dati grazie a misuratori di potenza installati direttamente nel ciclomulino (nei modelli più costosi)
  • Interfaccia del dispositivo con programmi come Zwift, Ruby, Garmi, ecc. (nei modelli più costosi)
  • Nessun tipo di usura al copertoncino
  • Possibilità di svolgere lavori specifici con molta potenza senza slittamento della ruota posteriore

Contro:

  • Costo

Come scegliere il vostro rullo

Come possiamo vedere, abbiamo un’ampia scelta di tipologie di rulli da poter utilizzare. Si passa da quello più adatto al riscaldamento prima di una competizione sino a quello più tecnologico con misuratore di potenza e completamente interfacciabile ad applicazioni che simulano strade virtuali. La scelta è dunque dettata dal nostro budget. 

Se vogliamo un rullo economico con cui poterci allenare tranquillamente il nostro suggerimento è quello di acquistare un rullo base, con poco più di cento euro potremo metterci nel salotto un sistema indoor in grado di farci eseguire tabelle ed allenamenti mirati.

Per chi invece volesse optare per il ciclomulino con qualche centinaia di euro in più si può acquistare un ottimo sistema di allenamento che simula la rotondità di pedalata che abbiamo durante le nostre uscite su strada.

Invece per chi non ha problemi di budget un rullo interattivo potrà alleviare la noia grazie ad un allenamento virtuale insieme ad altre persone, il top di gamma, sicuramente da acquistare.

Seguici su Facebook per rimanere sempre aggiornati oppure su Google News