Nonostante il sito web istituzionale per la richiesta del rimborso di euro 500 (contenuto nel decreto rilancio) per l’acquisto della bicicletta non sia ancora attivo è scoppiato il boom di vendite tanto che alcune aziende faticano a rifornire i propri magazzini di scorte ed i negozianti.

Visto il successo dell’incentivo che ha consentito ad aziende ed indotto di poter ritornare a lavorare in pieno regime il ministro dell’ambiente Sergio Costa si è impegnato a trovare e sbloccare ulteriori 70 milioni di euro da poter erogare insieme ai 120 milioni di euro già precedentemente stanziati dal governo.

Bonus per molti ma non per tutti

Ricordiamo che il bonus è retroattivo dal 4 Maggio ma non tutti ne potranno beneficiare, infatti è necessario possedere certi requisiti che abbiamo descritto in questo articolo.

Corsa al rimborso

Quello che possiamo ipotizzare appena il sito web sarà online è l’inizio di una vera e propria corsa alla richiesta di rimborso con un probabile down per carico di click del sito web. Visto le vendite alle stelle, la difficoltà di reperibilità delle biciclette con vetrine dei negozi spesso svuotate anche dei modelli più costosi si può solamente presumere che varrà la regola del “chi prima arriva meglio alloggia” visto la disponibilità limitata di soldi stanziati.