Sono ormai da diverse settimane che la quarantena ci obbliga ad allenarci con la bicicletta montata sui nostri rulli.

Molti di voi hanno iniziato a prendere famigliarità con una applicazione che funziona sia su desktop che tablet e smartphone nota come Zwift. A fronte di un abbonamento mensile (che si può disdire) di Euro 14,99 possiamo divertirci allenandoci con i nostri rulli.

La caratteristica di Zwift che forse non tutti conoscono è quella di poter creare un piano di allenamento sia personale, magari fatto dal vostro preparatore, che già pre impostato.

Una volta che abbiamo fatto il login all’interno della nostra applicazione sarà possibile sia pedalare liberamente, senza dover seguire tabelle, sia poter accedere a dei veri e propri piani di allenamento.

Prima di poter iniziare con le tabelle proposte da Zwift è consigliato fare un test di soglia, disponibile sempre all’interno del programma stesso, in modo tale che il programma di allenamento sia adeguato alle vostre capacità fisiche ed ovviamente di wattaggio.

Scegli il test ftp che vuoi fare prima di iniziare un allenamento

Una volta fatto il test ftp si potrà decidere finalmente a quale allenamento affidarci. Essendo un appassionato di velocità e di pista ho deciso di optare per un training in stile criterium per aumentare la mia potenza. Deciso il tipo di workout a noi più congeniale possiamo anche scegliere la durata.

Appena partiamo con il programma proposto da Zwift troveremo la prima fase di riscaldamento per poi iniziare con i vari step suddivisi in minuti in cui ci viene suggerita la potenza da tenere. Ogni step concluso correttamente ci regala una stella che al fine del programma è prettamente inutile ma che ci tiene il conto finale di quanti settori abbiamo fatto perfettamente.

Possiamo scegliere non solo l’allenamento ma anche dove poterlo fare. Abbiamo sempre a disposizione Watopia, un’isola virtuale dove abbiamo la possibilità di scalare un vulcano. Le altre scelte che variano spesso sono Londra, YorkShire o New York (attualmente non presente). La personalizzazione non si ferma qui, perché abbiamo anche la possibilità di scegliere tra vari percorsi all’interno della nostra ambientazione virtuale che cambiano in base all’altitudine totale del giro.

Una volta finito il nostro allenamento avremo a disposizione tutti i dati salvati nel nostro profilo di Zwift. Potremo analizzare quindi wattaggio, cadenza di pedalata, velocità media, e battito cardiaco in modo tale da tener traccia dei nostri miglioramenti nel tempo.

Uso ormai da diversi anni Zwift per allenarmi nelle serate invernali e trovo questa applicazione molto utile e valida. Se usata a dovere ci mantiene in forma e non ci fa perdere troppa potenza nel periodo invernale, anzi può essere un ottimo modo per staccarci dalla quotidianità ciclistica ed allenarci senza troppi pericoli. In un periodo particolare come quello che stiamo vivendo mi sto allenando tutti i giorni, cercando di alternare, l’unico consiglio che mi sento di dare è quello di bere molta acqua e di tenere due o tre salviette al vostro fianco.