Luigi Malabrocca nasceva 100 anni fa, il 22 Giugno 1920, ed è stato per diverso tempo la prima e storica maglia nera del Giro D’Italia.

Grande amico di Fausto Coppi, il suo nome è stato da sempre legato alla maglia meno prestigiosa del giro ma che a quel tempo poteva portare fama, sponsor e soldi. Insomma se non riusciva a lottare per il podio Luigi Malabrocca aveva escogito un modo più semplice per attirare fama e qualche soldo. L’ultima posizione in classifica poteva portare più prestigio e denaro del sesto posto assoluto.

Il singolare atleta nato a Tortona e soprannominato il Cinese per la sua caratteristica forma degli occhi non è stato sempre l’ultimo della classe. Diversi i successi nella sua carriera tra cui la Parigi – Nantes, la Coppa Agostoni e per due volte i campionati italiani di ciclocross, ma la vera fortuna la fece arrivando ultimo.

Escogitò diversi stratagemmi per aggiudicarsi il non ambito premio, stratagemmi che necessitavano sempre di un certo impegno. L’abilità necessaria consisteva nel perdere più tempo possibile, bar e forature diventavano necessarie per raggiungere la meta.

Ultimo nel 1946 ed ultimo nel 1947, lo stesso gioco si ripete nel 1949 ma questa volta non funziona, arrivò talmente in ritardo che i cronometristi se ne andarono assegnandoli lo stesso tempo del gruppo. Quell’anno la maglia nera se l’aggiudicò Sante Carollo, una beffa per il re delle maglie nere Malabrocca.

Giuseppe Ticozzelli, calciatore ciclista

La maglia nera è stata ispirata da un calciatore, Giuseppe Ticozzelli che si improvvisò ciclista partecipando al Giro D’Italia senza avere nessuna squadra di appoggio e gareggiando con la stessa maglia con cui giocava a calcio, di colore nero. Non avendo nessun team l’ex calciatore non poteva rifornirsi in gara. Durante una delle tappe con olotre un’ora di vantaggio dal gruppo si fermò a mangiare riprendendo la gara solo una volta passati gli inseguitori.

La maglia nera fu abolita nel 1952 ma tutt’ora esiste il primato simbolico dell’ultimo arrivato anche se non ufficializzato e non retribuito come ai tempi.

Seguici sul nostro canale Telegram per rimanere sempre aggiornato!